Kalisto

KALLISTO.jpgAmici miei, se molto tempo è passato, per amor vostro è stato ridotto in pezzi il mio cuore.
Se concedeste al mio sguardo di vedervi, la cosa migliore avrebbe luogo tra noi.
Con queste frasi siglò il foglio, con un forellino lo legò con un suo capello alla procellaria subito in volo verso l’isola all’orizzonte.
Il mare, dopo mezzogiorno, appariva di lamine dorate, quasi fossero squame di un grande pesce blu.
Ricordò il mare della notte prima quando era catafratto d’argento al punto che le stelle più luminose si riflettevano a specchio.
Allora una voce tra i massi della diga foranea parlò dei calamari fosforescenti, dagli abissi in superfice richiamati dalla luce degli astri più freddi. Buona pesca e redditizia.
Barconi sbuffanti fumi di nafta combusta navigavano a coppie lontani braccia e braccia di rete tra loro ad insaccare i nervosamente eccitabili molluschi natanti nel siero di Sirte.
La città, fin dalla fondazione timorosa dell’ardente deserto infinito alle spalle, si era come ritirata ai margini della costiera.
Tra l’ocra e l’azzurro una linea bianca folgorata di sole. Sottile e parzialmente altissima per gli svettanti edifici di centinaia di metri dal suolo.
Alveari dalle celle cupe di giorno, di notte al neon.
Réclame sfolgoranti, colori fluorescenti, immagini in movimento. Il suo viso da modella arricciava le labbra socchiuse a baciare l’infinito della notte di settembre.
La procellaria, allora, destinò il messaggio.

Essa è tutte le cose convenientemente velate si trova al suo posto e si muove in perfetto equilibrio

Kalisto
Per conoscere il prezzo e dove acquiustarla Clicca Quì
(by Marco Goracci)
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...