Linthia

Inserisci una didascalia

 

artica linthia

Al decollo il biplano indugiò tre volte e accelerò l’ascensione verso le nuvole.
Due passeggeri, con lei il pilota, ex sentinella di bronzo a guardar lo Ionio dal balcone calcareo di lucertole e fauni.
Da quel luogo verso Massaua, sul Mediterraneo prima, in discesa in vista delle piramidi, poi il mare eritreo e il Corno d’Africa.
Su Zabargad le cadde un fazzoletto con le cifre R e due punti allineati, altro geroglifico delle miniere d’opale.
A terra nella città portuale, la baia dei pescecani, l’estuario e i lamantini ambiti dai marinai di pochi scrupoli per amore.
L’obelisco frammentato sul molo della vittoria, poi un portico di pietra corallina traforata nello stile di un artista dell’Oman. Una scuola di dottrina salmodiante di versetti, un bisticcio di parole col grammofono incupito a cantare il fox-trot preferito dal barbiere dell’ostello coloniale, Carovana del Tigrai.
Con un colpo di pistola tacque l’urlo doloroso del mulo rovinato sull’asfalto per lo scarico azzardato dal vascello di supporto.
Dietro le moresche una somala immigrata offriva karkadè ai militi in licenza, bevanda seducente, tipica e fragrante, dai boccioli rossi dell’ibisco, fiorito lussureggiante nei giardini del patriarca copto.
Con la tazza dell’infuso fatale bevve i flutti di quel mare vaporoso sotto i raggi potentissimi di un sole raggiante e senza veli.

Il testo seguente , scritto  da Marco Goracci è stampato all’interno della T-shirt

Verdi e vermiglie e bianche e azzurre fattezze più che mai bella e cruda m’apparve

Linthia
Vuoi sapere dove acquistarla e quanto costa ? Clicca Qui
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...